Se stai cercando un nuovo lavoro, e stai facendo dei colloqui di selezione, ti suggeriamo di valutare la possibilità di inviare un messaggio di ringraziamento/feedback, dopo il colloquio, alla persona che ti ha intervistato.
In base alla nostra esperienza dobbiamo constatare quanto sia raro che una persona invii un simile messaggio, ma pensiamo che sia un vero peccato perché potrebbe essere una carta in più da giocarsi nel complicato processo di ricerca di un nuovo lavoro.
Ogni colloquio di lavoro dà inizio, infatti, ad una possibile relazione tra la persona che sta cercando lavoro e chi lo sta offrendo ed è una relazione di cui conviene prendersi cura sia durante il colloquio che dopo.
Quello che accade, infatti, dopo il colloquio è che il selezionatore continuerà a riflettere su quanto è successo in sede di intervista, su quello che il candidato ha detto ed ha fatto, ed anche sulla base di questa riflessione prenderà delle decisioni, positive o negative, sulla persona.
 
Scrivere un messaggio di ringraziamento e di feedback dopo un colloquio può essere utile in varie circostanze.

Messaggio per attestare il tuo forte interesse per la posizione di lavoro

Se il lavoro per cui hai fatto il colloquio ti interessa molto, e pensi di avere una forte motivazione ad assumere quello specifico ruolo, può essere utile ribadirlo in un messaggio per rafforzare quello che hai già detto durante il colloquio o per dare un segnale chiaro di motivazione se, al contrario, pensi che in fase di colloquio, non sei riuscito a trasmettere al meglio il tuo interesse.
In questo caso un esempio di messaggio “basico” potrebbe essere di questo tipo:
 
Gentile Sig.ra/Egregio Sig. …. scrivo per ringraziarla del colloquio che abbiamo avuto in data ….. e per tutte le informazioni che mi ha dato. Ho riflettuto su quanto ci siamo detti e ritengo che la posizione di lavoro sia molto interessante per me e mi piacerebbe poter dare il meglio delle mie competenze in questo lavoro. Mi auguro di essere riuscito a trasferire, durante il colloquio, questo mio interesse ed a fornirle tutte le informazioni utili per una sua opportuna valutazione e rimango, ovviamente, a sua completa disposizione per eventuali ulteriori informazioni. Cordiali saluti”.
 
A partire da questa formula base il messaggio può essere anche ulteriormente arricchito sottolineando, ad esempio, qualcosa di specifico che hai trovato interessante durante il colloquio: qualcosa che il selezionatore ti ha detto a proposito del lavoro, del ruolo, della organizzazione, dei valori, etc.
 

Messaggio per cercare di rimediare ad un colloquio in cui non sei riuscito a dare il meglio di te

Se durante il colloquio ritieni di non aver dato il meglio di te nel far capire le tue competenze e le tue motivazioni, oppure se pensi di non essere riuscito a tramettere qualcosa di importante per far capire al selezionatore perché potresti essere adatto per quella posizione, potresti utilizzare la lettera di ringraziamento per tentare di rimediare a questa situazione.
In questo caso un esempio di messaggio “basico” potrebbe essere di questo tipo:
 
Gentile Sig.ra/Egregio Sig. …. scrivo per ringraziarla del colloquio di lavoro che abbiamo avuto in data… e per l’opportunità che mi ha dato di conoscere la vostra realtà. Le scrivo anche per dirle che non ritengo di essere riuscito a dare il meglio di me durante il colloquio perché ero …  (scrivere una motivazione specifica del tipo: troppo emozionato, oppure troppo concentrato su quello che mi stava dicendo e meno attento a quello che avrei dovuto dire io, oppure poco concentrato per alcuni problemi personali che non sono riuscito a tenere a bada durante il colloquio, oppure poco preparato perché non faccio colloqui di questo tipo da molto tempo o perché è il mio primo colloquio di selezione…). Immagino che questo possa aver compromesso il buon esito del colloquio o possa averle dato pochi elementi su cui valutare la mia candidatura. Con questo messaggio mi è sembrato opportuno attestarle con franchezza le mie difficoltà e ringraziarla per il tempo che mi ha dedicato. Consapevole di non aver fatto un buon colloquio mi permetto di rinnovarle l’interesse per la posizione ed anche di dirle che ritengo di avere alcune delle competenze da voi richieste e che mi piacerebbe poter avere una seconda occasione per potergliele illustrare con maggiore efficacia. Ad esempio mi farebbe piacere che lei sapesse che ….. (scrivere una cosa specifica del tipo: ho maturato un’esperienza in …. che ritengo abbia delle similarità con la posizione da voi richiesta, oppure penso che nella posizione richiesta sia fondamentale la competenza di …. e ritengo di poter dare un contributo a questo livello). La ringrazio comunque per il tempo che mi ha dedicato e farò tesoro di questa esperienza perché si impara anche dagli insuccessi. Cordiali saluti”.
 
In questo tipo di lettera di ringraziamento è importante riuscire ad essere il più possibile onesti, trasferendo, allo stesso tempo, un sincero interesse e motivazione e dando qualche spunto al selezionatore per poter rivalutare la candidatura.
 

Messaggio per lasciare un buon ricordo di te anche se la posizione non è di tuo interesse

Se hai fatto un colloquio e ritieni che la posizione non sia di tuo interesse può essere, comunque, utile scrivere un messaggio di ringraziamento per favorire un buon ricordo in chi ti ha intervistato perché in futuro potrebbero esserci eventuali nuove occasioni di incontro.
In questo caso un esempio di messaggio “basico” potrebbe essere di questo tipo:
 
Gentile Sig.ra/Egregio Sig. …. scrivo per ringraziarla del colloquio di lavoro che abbiamo avuto in data… e per l’opportunità che mi ha dato di conoscere la vostra realtà. Come emerso anche durante il colloquio (oppure Ho riflettuto a lungo dopo il nostro colloquio e) non ritengo che la posizione sia in linea con…. (scrivere una motivazione specifica che potrebbe riguardare le aspettative, oppure le competenze, oppure le esigenze di vita, etc.). Mi ha fatto, comunque, molto piacere conoscere la vostra realtà ed avere l’opportunità di uno scambio personale con lei e mi auguro che ci possano essere in futuro eventuali nuove occasioni di incontro o di collaborazione. Cordiali saluti
 
Anche in questo caso questa formula base può essere arricchita specificando meglio qualcosa che hai apprezzato durante l’incontro (ad esempio: la gentilezza della persona, i valori dell’azienda, il clima aziendale che si percepiva, il tipo di prodotto/servizio, etc.).
In tutte le situazioni evidenziate si tratta di messaggi che non richiedono un grosso impegno di tempo, che sarebbe opportuno scrivere entro un paio di giorni dalla data in cui si è fatto il colloquio e che possono essere mandati via mail.
 
Possono essere inviati anche se il colloquio è stato fatto con un’agenzia di selezione, e non direttamente con la società che sta cercando candidati. In questo caso si può indirizzare il messaggio alla persona dell’agenzia con cui è stato fatto il colloquio chiedendo anche di inviarlo per conoscenza alla società per cui sta curando la selezione.
 
Ovviamente tutte le formule “basiche” che ti abbiamo suggerito vanno prese a riferimento solo per comprendere il tipo di contenuto che andrebbe scritto e dovranno essere opportunamente personalizzate utilizzando le parole che sono più in linea con il tuo stile comunicativo.
 
Scrivere una breve lettera di ringraziamento e di feedback dopo un colloquio di lavoro è un ottimo modo per:
  • favorire un buon ricordo nel selezionatore dimostrando gentilezza e professionalità;
  • aumentare la probabilità di ricevere un feedback su come è andato il colloquio;
  • distinguersi in maniera positiva dalla maggioranza delle persone che invece non lasciano traccia di se dopo il colloquio;
  • investire in una possibile prosecuzione della relazione professionale.
"La gratitudine è la più squisita forma di cortesia". (Francois De La Rochefoucauld) 
Se sei alla ricerca di una guida che ti aiuti a sostenere un colloquio di lavoro efficace senza commettere errori, scarica gratuitamente il nostro pratico ebook!

Risorse