Il desiderio di cambiare lavoro può essere molto vitale, ma anche molto frustrante, ed il modo in cui riuscirai a costruire il percorso di ricerca di un nuovo lavoro influenzerà, in maniera consistente, il tuo reale stato d’animo ed anche i risultati effettivi che potrai raggiungere.
 

Ma come cambiare lavoro?

Prima di iniziare è importante che tu dedichi un po’ di tempo per fare un bilancio della tua vita lavorativa fino ad oggi. Questo ti permetterà di definire bene sia quali sono le aspettative che hai nei confronti di un nuovo lavoro e sia quali sono tutti gli apprendimenti, le esperienze e le competenze che ti piacerebbe valorizzare cambiando lavoro. Puoi fare questo tipo di bilancio da solo o potresti chiedere l’aiuto di qualcuno: un collega di cui ti fidi, un amico, un esperto.
 
Dopo questa fase di valutazione potrai iniziare a costruire il tuo percorso di ricerca essendo ben consapevole che, se hai davvero voglia di cambiare lavoro, vuol dire che, in pratica, hai voglia di misurarti con la sfida del cambiamento in tutte le sue manifestazioni: di lavoro, di persone, di luoghi, di problemi, di stili di lavoro, di comportamenti, di orari, etc.
Il progetto di cambiare lavoro dovrebbe anche essere una opportunità per rafforzare la tua creatività, la tua intraprendenza, la tua flessibilità, la tua capacità di apprendimento.
Per riuscire a raggiungere il tuo obiettivo di cambiare lavoro i nostri primi consigli sono:

Sii creativo

Se vuoi cambiare lavoro, e fare in modo che questo cambiamento implichi davvero un miglioramento della tua soddisfazione lavorativa, è importante riuscire ad essere molto generativo in termini di idee ed anche molto generoso nella volontà di esporle e condividerle con altri.
Le idee riguardano il tipo di lavoro che vorresti fare, in cosa dovrebbe essere diverso rispetto a quello attuale, in quale tipo di contesto ti piacerebbe andare, come potresti presentarti, di quali attività pratiche ti piacerebbe che fosse fatta la tua giornata lavorativa, e così via.
Ci vuole molta creatività e molta proattività. Un nuovo lavoro, giusto per te, non è li fuori ad aspettarti ed è poco probabile che verrà a cercarti, molto più probabile che debba essere tu capace di costruirlo. Regola che vale anche se stai già valutando una proposta di lavoro che tu non hai cercato. Anche in questo caso, infatti, sarebbe molto importante che tu ti ponessi rispetto a questa opportunità in maniera attiva e creativa per fare in modo che questa proposta si adatti bene alle tue esigenze.

Fai allenamento

Dal momento che stai progettando un cambiamento ti suggeriamo di approfittare di questa fase per iniziare ad allenarti a possibili cambiamenti, decidendo di abbandonare, ad esempio, alcune delle abitudini ormai consolidate nella tua vita lavorativa o anche in quella privata. Un allenamento di questo tipo ti permetterà di rafforzare la tua flessibilità e la tua capacità di adattamento, doti indispensabili per iniziare con positività e successo un nuovo lavoro.
Allenati partendo anche da piccole cose: cambia il percorso con cui vai al lavoro, prova un cibo che non avevi mai mangiato prima, cerca di fare delle nuove conoscenze, leggi un libro diverso dal solito, cambia il metodo con cui fai alcune cose nel tuo lavoro, e così via…. Allenati con tutto e con tutti al cambiamento.

Fai pulizia

Quando si decide di cambiare è necessario fare spazio al nuovo e, inevitabilmente, lasciar andare qualcosa di vecchio. Per prepararti al cambiamento, anche se non hai ancora una nuova e concreta opportunità di lavoro, può essere utile iniziare a fare un po’ di pulizia che alleggerirà anche il tuo carico fisico ed emotivo.
Decidi quello che vuoi continuare a tenere, quello che vuoi archiviare e quello che vuoi definitivamente eliminare. Fallo con calma, ma con metodo.
E’ un lavoro che ti servirà anche per ripercorrere qualcosa del passato, per essere più consapevole, ad esempio, di quello che hai prodotto fino ad oggi, per riscoprire qualcosa che forse avevi dimenticato.
Fai pulizia di documenti, di carte, di files, di oggetti, di contatti. Crea un archivio di quello che vuoi tenere e liberati fisicamente del resto.

Fai un elenco di dieci posti in cui ti piacerebbe davvero andare a lavorare

Questo è un esercizio più facile a dirsi che a farsi, ma può essere davvero utile per avviare la tua ricerca di un nuovo lavoro. La sfida è di fare una lista di posti reali (con un nome ed un indirizzo) rispetto ai quali tu pensi di poter avere delle possibilità in funzione delle tue esperienze, delle tue motivazioni, delle tue potenzialità.
Prova ad immaginare quale tipo di ruolo potresti avere nelle società o organizzazioni che fanno parte di questo tuo elenco e cerca di visualizzarti in ognuno di questi posti.

Costruisci un progetto ed un piano di azioni

Cercare un nuovo lavoro è un lavoro vero e proprio!
Ci vuole tempo per farlo ed un metodo preciso di pianificazione. Poi, indubbiamente, anche il caso e la fortuna faranno il loro gioco, ma è importante che a fondamento di tutto ci sia un tuo progetto ed un tuo piano di azioni.
Riprendi l’elenco dei dieci posti in cui ti piacerebbe lavorare e pensa a cosa potresti fare, in concreto, per far arrivare una tua candidatura. Pensa chiaramente a tutte le attività che dovrai realizzare per raggiungere il tuo obiettivo: riscrivere il CV, pensare a possibili contatti che potranno esserti di aiuto, fare l’elenco delle società in cui ti piacerebbe andare a lavorare, capire che tipo di stipendio di piacerebbe avere con il nuovo lavoro, scrivere delle mail convincenti e personalizzate con cui inviare la tua candidatura, etc. Cerca anche di associare ad ogni attività un tempo ed alcuni indicatori anche numerici: ad esempio quante varianti di CV vorrai scrivere, quanti contatti vorrai attivare, a quante aziende manderai la tua candidatura, etc. Metti a fuoco di cosa hai bisogno per ogni fase, chi ti può essere di aiuto, cosa hai bisogno di conoscere o di capire. Stima quanto tempo dovrà durare ogni fase e cosa puoi fare per controllare l’avanzamento di questo progetto e per definire eventuali correzioni. Prova a mettere tutto nero su bianco e definisci ogni giorno anche solo un piccolo passo concreto da compiere in linea con il tuo piano di azioni.

Migliora il tuo CV e crea una nuova lettera di presentazione

Scrivere il CV è un’attività impegnativa per tutti e sono davvero poche le persone che riescono a farlo con piacere ed entusiasmo. Ma in realtà è un primo passo importante per aiutarti a cambiare il tuo lavoro e sarebbe meglio farlo mettendoci tutta la grinta e la determinazione che hai. In realtà è anche un’occasione per aiutarti a fare un serio bilancio della tua vita lavorativa fino a questo momento e per riflettere su cosa ti piacerebbe che fosse scritto nel tuo CV tra cinque anni. Lavora poi su una possibile versione base di una lettera di presentazione per iniziare a capire cosa ti piacerebbe trasmettere di te a qualcuno che ancora non ti conosce.

Lavora sul tuo network e cercati degli sponsor e degli alleati

Molte ricerche dimostrano che per riuscire a cambiare lavoro è molto più importate dedicare tempo a coltivare contatti personali che a tentare di inviare a tutti il proprio CV o passare la giornata rispondendo ad inserzioni di lavoro.
Meglio fare una accurata lista di contatti, attuali o potenziali, che vorresti coinvolgere nella tua ricerca e capire come fare ad attivarli: scrivere una mail, fare una telefonata, invitare qualcuno per un aperitivo, riesaminare i tuoi contatti di LinkedIn e studiare meglio il loro network, etc. Valuta se tra i tuoi contatti ci può essere qualche sponsor che avrà voglia e piacere di parlare bene di te ad altri.
Cerca anche di capire di chi circondarti durante questo processo di ricerca. Meglio scegliere persone energetiche, positive, con cui confrontarti nelle varie fasi per chiedere consiglio o qualche feedback.

Non prenderla sul personale e mantieni l’entusiasmo

Inizia a mettere realisticamente in conto che in questa fase di ricerca e di cambiamento non tutto andrà come ti aspettavi. Le idee che avrai rispetto al tuo nuovo lavoro potranno infrangersi contro una realtà fuori dal tuo controllo, alcuni incontri potranno andare male e potresti avere la sensazione di essere rifiutato o di non avere grandi possibilità di successo.
E’ molto importante che in questa fase tu non prenda questi intoppi o questi rifiuti come qualcosa che mina la tua fiducia e che lede la tua persona. Sii resiliente, non prenderla sul personale e mantieni una giusta distanza senza farti travolgere dall’obiettivo del successo immediato.
I problemi fanno solo parte dei rischi di questo percorso di ricerca e non hanno nulla a che fare con i tuoi valori, le tue ambizioni e le tue potenzialità. Impara, invece, ad utilizzare gli eventuali ostacoli per rifare un check del tuo progetto di ricerca e delle tue idee al fine di confermarle, con ancora più convinzione e determinazione, o di apportare alcune modifiche per rafforzare il tuo piano.
“Cambia, ma inizia lentamente, perché la direzione è più importante della velocità” (Clarice Lispector)
 
Ti auguriamo di riuscire nel tuo progetto di ricerca e, se hai voglia, facci sapere se alcuni di questi consigli ti sono stati utili.

Se non hai ancora le idee chiare su che tipo di lavoro potresti fare prenota un colloquio GRATUITO di consulenza con noi per capire se potrebbe fare al caso tuo.
Per info scrivici o chiamaci o telefona al numero 389 5276493 (negli orari: 8.30-12.30  e 13.30-17.30)