Ti piacerebbe mettere meglio a fuoco quali sono i tuoi punti di forza e quali vorresti sviluppare?

Provi un senso di insoddisfazione rispetto ad alcuni aspetti del tuo modo di essere sul lavoro, ma non sai cosa potresti cambiare per stare meglio?

Vorresti agire diversamente nel tuo lavoro senza far prevalere il “pilota automatico” di certi comportamenti abitudinari?

Ti piacerebbe avere delle qualità che ammiri in altri, ma che pensi di non possedere?
 
Se hai risposto SI, ad una o più di queste domande, ti propongo un piccolo esperimento.
 
Inizia a pensare ad una persona che ti piace particolarmente, che è per te una fonte di energia e di ispirazione, che suscita la tua ammirazione.
Potrebbe essere il tuo capo, un tuo collega, un amico, un parente, un personaggio famoso, il protagonista di una serie televisiva, etc.
Prova a riflettere su quali sono sette caratteristiche positive che ti piacciono particolarmente di questa persona e scrivile su un foglio.
Nel farlo cerca di essere il più specifico possibile nel descrivere ogni singola caratteristica. Ti preciso che non è necessario che tu abbia la certezza che la persona cui stai pensando possiede realmente queste caratteristiche, cosa che può accadere soprattutto se non hai frequentato davvero la persona, ma elenca quelle caratteristiche che nel tuo immaginario la persona possiede sulla base di quello che vedi e sai di lei.
 
Poi rileggi le sette caratteristiche che hai scritto e prova a valutare quali sono quelle che possiedi anche tu e quali sono quelle su cui vorresti migliorare per riuscire a possederle in futuro.
 
Pensa, per ognuna delle caratteristiche che vorresti migliorare a cosa potresti fare in concreto per raggiungere il tuo obiettivo.
 
Pensa anche a come valorizzare le caratteristiche positive che già possiedi e che ti rendono, in qualche modo, più simile o vicino alla persona cui ti ispiri.

Ecco quale è stato il risultato di questo esperimento per Camilla, un architetto quarantenne freelance di Roma che, sin da piccola, nutre una particolare ammirazione per un famoso cantante.
Camilla è una persona molto attenta, precisa, curiosa e scrupolosa nel suo lavoro. A scuola era considerata la classica “secchiona”, con un carattere abbastanza riservato. Nella professione è considerata una persona affidabile e creativa, sebbene in questi ultimi tempi sta facendo un po’ di fatica a trovare nuovi clienti ed è abbastanza preoccupata per il suo futuro lavorativo. Un coach le ha detto che dovrebbe investire maggiormente nel networking, lei pensa che abbia ragione, ma non sa bene quali qualità e competenze dovrebbe sviluppare per riuscirci.
Grazie a questo esperimento ha pensato a quello che le piace del suo cantante preferito e sono nate alcune ispirazioni.
Ovviamente Camilla non lo conosce di persona, ma immagina che possieda queste qualità, che lei apprezza particolarmente:
 
  1. Una costante voglia di imparare
  2. Una tendenza a sperimentare sempre cose nuove
  3. Il pensiero positivo e la capacità di esprimere gratitudine
  4. Una certa spavalderia e la voglia di mettersi in mostra
  5. La cura di sé (da come si veste a come si nutre) e la pratica di molti sport
  6. Una grande spontaneità senza preoccuparsi di sapere tutto o di dire sempre la cosa giusta
  7. La cura maniacale nel proprio lavoro senza lasciare nulla al caso.

Rileggendo queste sette caratteristiche Camilla ha riconosciuto che anche lei possiede e mette in campo la voglia di imparare (1), così come la tendenza a sperimentare sempre cose nuove (2) ed a mettere grande cura nel proprio lavoro (7).
D’altra parte pensa che le piacerebbe diventare una persona più spavalda (4), meno preoccupata di cosa pensano gli altri e quindi più spontanea (6). Vorrebbe anche essere più capace di riconoscere quanto c’è di buono nella sua vita e nelle sfide che affronta perché, a pensarci bene, si scopre a fare sempre previsioni tendenzialmente negative rispetto al futuro (3). Pensa anche che potrebbe “imitare” il suo cantante prendendosi maggiormente cura di sé (5).
Così facendo Camilla ha messo meglio a fuoco quali sono i suoi punti di forza e quali sono gli elementi su cui le piacerebbe migliorare.
Partendo da questa riflessione ha ripensato a quanto le aveva detto il coach a proposito del networking ed ha deciso di:
 
  • avviare un suo blog per condividere con gli altri i risultati della sua curiosità rispetto al mondo dell’architettura;
  • iscriversi ad un corso di ballo (sia per divertirsi che per recuperare la forma fisica);
  • iniziare ad annotare ogni giorno almeno tre cose di cui essere grata alla fine della giornata;
  • scaricare una app per ricordarsi di bere più acqua durante la giornata;
  • andare in cerca di un buon libro sul pensiero positivo;
  • darsi la sfida di partecipare almeno ad un evento a settimana (corsi, mostre, convegni, feste, cene, webinar, etc.) sia con i suoi amici/colleghi che con persone nuove.
 
Molte persone che fanno questo tipo di esperimento scoprono che:
 
  • hanno le idee molto più chiare di quanto pensassero inizialmente rispetto a quello che per loro è importante ed a quello che vorrebbero essere e fare;
  • l’attrazione verso un certo tipo di persona è in parte indicativo del fatto che hanno già qualcosa in comune con quella persona;
  • le persone che ci piacciono possono essere un’ottima fonte di ispirazione per il nostro miglioramento continuo e capire bene quali sono, nello specifico, le caratteristiche positive che ci attraggono rispetto a quelle persone è un buon metodo per definire in concreto cosa possiamo fare per migliorare.
 
Se sei in cerca di ispirazione pensa, quindi, ad una o più persone che ti piacciono particolarmente, ed invece di fermarti solo ad ammirarle cerca di capire quali spunti e slanci possono dare alla tua vita ed al tuo lavoro.
Buon esperimento!
 
“Non bisogna indugiare quando è più pericoloso far nulla che osare”.
(Publio Cornelio Tacito)