Scrivere un buon CV non è un compito facile per nessuno e, realisticamente, occorre mettere in conto di dover fare diversi tentativi, cioè scrivere tante bozze, per riuscire ad arrivare ad una buona versione.
Per buona versione intendo uno scritto che sia:
  • chiaro ed interessante per chi lo legge;
  • sincero e valorizzante per chi lo ha scritto.
 
Per essere interessanti non è necessario essere originali a tutti i costi, o scrivere cose non veritiere, mentre
è altamente consigliabile usare parole chiare, specifiche, appropriate e possibilmente scritte in una forma grammaticale ed ortografica corretta e curata.
Per dare un’idea di come si possano valorizzare, in maniera completamente diversa, i contenuti di un CV semplicemente scrivendolo in un’altra forma ti proponiamo di leggere il testo originale ed il testo rivisto del CV di un professionista senior. 
Precisiamo che la persona ha utilizzato una forma molto discorsiva per il suo CV rendendo, così, il suo testo un misto tra un CV ed una lettera di accompagnamento.
In ogni caso quello che abbiamo fatto è stato di analizzare, scomponendolo in cinque parti, il testo originale, individuare i punti critici di ogni parte di testo e suggerire una possibile riscrittura per rendere il messaggio più chiaro, incisivo ed interessante, scrivendo quindi un esempio di curriculum efficacace e personalizzato.

Prima parte del testo originale

“Sono Mario Rossi specializzato nella gestione di collezioni moda
fin dagli anni 80, quando ho iniziato, ho sempre operato nel settore, avendo
l’opportunità di lavorare per diverse aziende.
Sono una figura professionale senior”
 
Problemi di questa parte di testo
Il testo dice fondamentalmente che la persona ha una lunga esperienza in uno specifico settore, ma la forma utilizzata rischia di essere ridondante e poco incisiva senza dimostrare una reale passione per il settore. Le prime righe sono fondamentali per incuriosire chi legge e quindi le parole vanno scelte con cura.
 
Nuovo testo suggerito
“Mi chiamo Mario Rossi ed ho dedicato tutta la mia vita professionale a costruirmi una solida esperienza nel campo della progettazione e realizzazione di collezioni di abbigliamento”

Seconda parte del testo originale

I miei punti di forza sono:
  • la capacità di interpretare lo stile e di declinare il prodotto per collezioni uomo donna bambino.
  • Le buone competenze tecniche in materia di confezione e costruzione dei capi prototipo.
  • La conoscenza dei materiali/tessuti/accessori/filati, i loro aspetti tecnici e le loro applicazioni sulla confezione.
  • La ricerca dei fornitori, di nuovi materiali alternativi e il sourcing in Italia e Cina.
  • La capacità di industrializzare il prodotto, con sinergie di costi.
  • La gestione degli acquisti e il sourcing sia di campionario che di produzione.
  • Esperto dei trattamenti e trasformazioni dei materiali.
  • L’interpretazione di normative tecniche.
  • La gestione diretta dei clienti e le loro richieste di collezione.
 
Problemi di questa parte di testo
Si parla di punti di forza, ma in realtà le descrizioni utilizzate sono soprattutto un mix di conoscenze (quello che la persona sa) o di attività (ad esempio la gestione dei clienti). Non è automatico capire quale sia il reale punto di forza associato, ad esempio, alla gestione dei clienti o all’interpretazione di normative tecniche.
Con questo tipo di testo si corre il rischio di annoiare il selezionatore elencando attività che possono essere considerate scontate e che non fanno in alcun modo incuriosire chi legge rispetto alla specifica persona.
 
Nuovo testo suggerito
Per consolidare, anno dopo anno, la mia esperienza ho avuto l’opportunità di conoscere e gestire direttamente tutte le fasi del processo di sviluppo collezioni: dall’analisi ed interpretazione delle richieste dei clienti, al sourcing ed acquisto dei materiali, alla industrializzazione e confezionamento del prodotto inclusi eventuali trattamenti.
Per riuscire ad essere un professionista capace di dare un valore aggiunto ho sempre dato grande importanza allo sviluppo continuo delle mie conoscenze tecniche a livello di materiali, trattamenti e tecniche di confezionamento per poter avere sempre un atteggiamento propositivo ed innovativo rispetto al lavoro che faccio ed ai problemi che nascono.
Gli indicatori che assumo sempre a riferimento per fare bene il mio lavoro sono: il rispetto dei tempi; il rispetto, e soprattutto, il miglioramento dei costi; il rispetto degli standard di qualità predefiniti.
Le conoscenze tecniche rappresentano, per me, solo la base per poter dare un contributo significativo con il mio lavoro. L’esperienza, infatti, mi ha insegnato che per fare la differenza occorrono una grande capacità di ascolto degli altri, una buona flessibilità ed un’ottima capacità di problem solving e ritengo che siano questi gli ambiti in cui mi sento più forte.

Terza parte del testo originale

“Ho acquisito una approfondita conoscenza tecnica soprattutto di tessuti e filati, frequentando e controllando direttamente le produzioni presso tessiture stamperie e nei centri di controllo qualità.
Svolgo attività di ricerca presso fiere e fornitori in Italia ed all’estero, proponendo alternative di qualità e di prezzo alla Clientela”.
 
Problemi di questa parte del testo
Di fatto dice le stesse cose già dette prima e non fornisce informazioni sostanzialmente nuove o interessanti.
 
Nuovo testo suggerito
Il mio lavoro mi ha dato la possibilità di essere fisicamente presente in molte realtà produttive, sia di materiali che di prodotto finito, ed oggi posso dire di avere molto chiara la mappatura dei principali operatori del settore, sia in Italia che all’estero, a livello di tessiture, stamperie, confezionisti e centri di collaudo. Posso, pertanto, condividere questo mio network con le aziende con cui collaboro per trovare i partner migliori con cui operare.

Quarta parte del testo originale

“Attualmente lavoro presso un’azienda in Toscana che gestisce brand di proprietà uomo donna e bambino con produzioni in Cina, Marocco e Portogallo. In questa azienda sono responsabile del settore degli accessori e delle lavorazioni speciali come stampe ricami e applicazioni”.
 
Problemi di questa parte del testo
Descrive semplicemente una attività che si svolge e non le sfide e le nuove opportunità che questo lavoro sta dando rispetto al proprio progetto professionale. Peraltro non si cita il nome dell’azienda e da quanto tempo è iniziato questo lavoro. Infine la denominazione di responsabile del settore accessori può essere molto generica.
 
Nuovo testo suggerito
La mia ultima esperienza lavorativa, iniziata a …. presso la società ….., mi sta dando la possibilità di approfondire ulteriormente la conoscenza relativa ad accessori e lavorazioni speciali che rappresentano proprio uno degli elementi distintivi dei prodotti di questo marchio ….. Mi hanno scelto come responsabile del sourcing e degli acquisti di accessori e trattamenti perché ritengono che le mie competenze tecniche, anche di confezionamento del prodotto finito, mi possano permettere di fare un buon lavoro di selezione dei materiali che tenga ben conto delle esigenze di tipo industriale legate all’applicazione degli accessori sul prodotto finito. Il mio obiettivo in questo ruolo è di migliorare la selezione di accessori che non diano problemi qualitativi in produzione e di rinnovare il parco fornitori per rendere più competitivo il rapporto qualità-prezzo.

Quinta parte del testo originale

Dal … al … in qualità di responsabile di un service specializzato nella confezione di abbigliamento ho gestito direttamente i clienti …. . … ... ... realizzando la prototipia, la ricerca dei materiali alternativi, il fitting, la confezione, l’approvvigionamento dei materiali di campionario e gli acquisti di produzione per i capi in gestione”
 
Problemi di questa parte del testo
Nuovamente si elencano solo attività effettuate, peraltro con il rischio di essere una semplice ripetizione di quanto già detto prima, mentre sarebbe molto più opportuno parlare di alcuni risultati conseguiti nella precedente esperienza.
 
Nuovo testo suggerito
Nella mia precedente esperienza, presso la società ….. ,ho gestito integralmente il processo di sviluppo dei prototipi e campionari per diversi marchi: ……. ……. ……. Due obiettivi che mi sono dato, e che ho conseguito, sono stati: riduzione del tempo medio di sviluppo dei prototipi di 5 gg; riduzione del costo medio di produzione del campionario pari al 15% rispetto all’anno precedente. Per riuscirci ho lavorato sulla revisione di alcune attività previste nel processo, eliminandone alcune a basso valore aggiunto, ed ho modificato gli accordi contrattuali con i laboratori responsabili della produzione responsabilizzandoli maggiormente sulla produttività media giornaliera.

Parte finale del testo originale

“Ecco inoltre tutte le altre aziende con cui ho lavorato nel corso degli anni
 
……………………………………….
 
Conosco i sistemi informatici, ho discreta padronanza dell’inglese scritto e parlato
Una buona cultura di base generale, capacità di problem solving e di gestire team di collaboratori, una spiccata predisposizione a viaggiare e spostarmi in Italia ed all’estero
Per qualsiasi ulteriore informazione resto a disposizione e allego i miei recapiti.
 
 
Problemi di questa parte del testo
E’ stato inserito un puro elenco di aziende che non fa capire cosa ha fatto realmente la persona per queste aziende. Le indicazioni finali su cultura generale, competenze, etc. sono troppo generiche.
 
 
Nuovo testo suggerito
Sono molto grato a tutte le aziende per cui ho lavorato perché mi hanno dato tanto in termini di esperienza e sviluppo di nuove competenze.
In particolare mi sembra rilevante segnalare alcuni dei principali obiettivi ed apprendimenti generati in ognuna delle esperienze vissute che ho riepilogato nella seguente tabella:
Preciso che il testo suggerito è da prendere solo come una bozza, ma spero che sia stato utile per far immediatamente percepire, anche ad una lettura veloce, quanto può essere differente il messaggio a seconda delle parole che si scelgono e della struttura che si dà allo scritto.
 
Per chi vuole volesse mettere ulteriormente a confronto le due versioni suggeriamo di scaricare il file completo…

Risorse