Trovare un lavoro in linea con i propri bisogni ed interessi, si sa, è un’impresa ardua, che richiede grandi dosi di pazienza, impegno, tenacia e una buona strategia di ricerca!

La maggior parte delle persone che si rivolgono a noi per migliorare la propria situazione lavorativa, ammettono di cercare lavoro principalmente rispondendo agli annunci pubblicati nei vari portali on line. Questa strategia di ricerca, a nostro parere, non è sempre quella più funzionale: cercare di orientarsi in una vera e propria giungla di annunci, scartando quelli poco interessanti e poco seri, quelli che richiedono centinaia di competenze, e provando a selezionare solo quelli “utili” richiede moltissimo tempo. E’ un metodo, inoltre, che può farci sentire un po’ frustrati e demoralizzati: ti è mai capitato di finire per candidarti per dei ruoli che non ti interessano davvero, che non capisci esattamente in cosa consistono o che sono lontani dalle tue reali aspirazioni?

Perché non provare allora ad utilizzare un’altra strategia?

Ad esempio, invece di monitorare centinaia di annunci potresti provare a concentrare la tua ricerca prima sull’azienda o sull’organizzazione in cui ti piacerebbe lavorare.
Secondo numerosi studi, uno dei principali motivi per cui le persone si licenziano o decidono di cambiare lavoro ha a che fare con l’azienda, più che con il lavoro in sé: cattivi rapporti con il proprio capo o con altri colleghi, mancanza di riconoscimento nei valori o nella cultura aziendale, scarsa possibilità di crescita etc.
Per questo, 
cercare lavoro partendo dall’azienda potrebbe rivelarsi una strategia molto efficace e in grado di aiutarti a trovare un lavoro che si avvicina davvero alle tue priorità
in cui ti è più facile immaginarti per un lungo periodo di tempo e in cui è meno probabile che insorgano problemi come quelli che abbiamo appena descritto. Questo perché quando cerchi un’azienda a cui proporti, quello che stai valutando è un’esperienza lavorativa nella sua interezza: invece che focalizzarti nelle singole attività e responsabilità giornaliere, stai compiendo una valutazione più ampia che va oltre al tuo ruolo, che è strettamente legata alla tua crescita professionale e al tuo benessere lavorativo.

Se hai voglia di provare ad impostare la tua strategia di ricerca di lavoro partendo da una specifica azienda o organizzazione, ecco qualche consiglio che può esserti utile.

Capire quali sono le tue priorità e i tuoi interessi

La prima cosa da scoprire è che cosa per te in questo momento è più importante.

Quali sono le tue priorità?
Quali caratteristiche vorresti che avesse la prossima azienda od organizzazione in cui lavorerai?

Per trovare una risposta a queste domande, può esserti anche utile ragionare sulla tua carriera professionale, e scrivere una lista degli aspetti positivi e negativi delle varie esperienze che hai avuto. Se sei un neo laureato o neo diplomato, puoi comunque fare questo esercizio prendendo in considerazione, ad esempio, i tirocini o le esperienze di volontariato.

Ecco alcune delle priorità che potresti valutare:
  • Dimensione: che dimensione dovrebbe avere la tua azienda ideale? La dimensione di un’azienda può essere molto indicativa del suo funzionamento e delle sue caratteristiche. In genere, le aziende e le organizzazioni più grandi sono maggiormente strutturate, ed è probabile che anche i ruoli lavorativi siano più specifici e ben definiti. Al contrario, nelle aziende più piccole è più comune trovarsi a fare più cose, occuparsi di molte attività, avere cioè un ruolo un po’ meno specialistico ma forse più vario.
 
  • Posizione: quanto è importante per te la posizione geografica del tuo luogo di lavoro? 
    Se sei giovane e hai pochi vincoli familiari, o hai voglia di spostarti, è possibile che per te non ci siano preferenze e che quindi la posizione non sia una priorità. 
    Se hai vincoli familiari, o di altro tipo, è più probabile che tu sia alla ricerca di un lavoro abbastanza vicino a casa: in questo caso dovrai tenere conto della posizione in cui ti trovi e restringere la ricerca ad un raggio più limitato. 
    Se hai in mente di fare una carriera ben specifica in un determinato settore è bene anche considerare che in Italia, in particolare, ci sono alcuni settori produttivi concentrati solo in alcune zone o territori: in questo caso potrà esserti utile conoscere la zona in cui è più sviluppato.
 
  • Età dell’azienda: preferiresti lavorare in un’azienda storica o in una giovane start up? Entrambe le opzioni presentano dei pro e dei contro: l’azienda storica ha probabilmente una buona presenza nel mercato che può garantirti maggiore stabilità (ma non è detto) e delle procedure interne ben definite ma potrebbe avere una cultura aziendale un po’ rigida ed essere un po’ restia ai cambiamenti; la start up probabilmente è più dinamica, ha una cultura aziendale più giovane, quindi più flessibile e attenta alle novità, e probabilmente un clima un po’ più informale, di contro, proprio perché nuova, potrebbe essere un po’ meno autorevole nel proprio settore e offrirti meno stabilità di un’azienda ben avviata.
 
  • Mission e valori: quanto è importante, per te, condividere lo scopo principale e i valori dell’azienda in cui lavori? Sono sempre di più le persone che scelgono un lavoro proprio perché si riconoscono nei valori e nell’etica di un’azienda, e che indicano questo fattore come uno dei più importanti per stare bene nel proprio lavoro e sentirsi soddisfatti. Se per te è una priorità, allora nella tua ricerca potresti studiare, ad esempio, i siti web delle aziende che ti interessano per ottenere maggiori informazioni sulla mission e sulla loro etica interna oppure provare a contattare e intervistare qualcuno che già lavora nell’azienda cui stai pensando.
 
  • Cultura aziendale: questo è un concetto un po’ ampio che include una serie di elementi che hanno a che fare con l’ambiente lavorativo, con l’approccio al lavoro e la visione generale dell’azienda. La cultura può influenzare il modo di lavorare (alcune aziende sono favorevoli allo smartworking e al lavoro da casa e offrono una buona flessibilità di orari, altre invece sono più rigide su questo aspetto; alcune aziende preferiscono dare molta autonomia ai propri collaboratori, altri invece tendono ad esercitare un maggiore controllo); il modo di vestire (che può essere formale, informale, casual…); lo spirito esistente tra i collaboratori (alcune aziende organizzano eventi al di fuori dell’orario di lavoro per sviluppare lo spirito di gruppo, altre invece non sono interessate a questo aspetto); etc.  Non esiste una cultura aziendale migliore di un’altra, l’importante è capire cosa fa più al caso tuo in questo momento.

Fai una lista delle aziende e delle organizzazioni a lista delle aziende e delle organizzazioni

Una volta che hai focalizzato le tue priorità, è il momento di capire quali sono le aziende che potresti contattare.

Sfrutta il tuo network: utilizza i tuoi contatti per poter avere maggiori informazioni sulle aziende del tuo territorio, o del settore che ti interessa, per capire quali sono quelle che potrebbero fare al caso tuo. LinkedIn può rivelarsi uno strumento davvero prezioso: non solo puoi utilizzarlo per capire quali sono le realtà interessanti, ma anche per entrare poi in contatto con chi le conosce o con chi ci lavora, chiedere opinioni e consigli. Se hai deciso di concentrare la tua ricerca in un determinato territorio, ti consigliamo di sfruttare il web per fare una mappatura di tutte le aziende presenti e poi approfondire i rispettivi siti web in modo da capire se corrispondono ai tuoi interessi.

Non dimenticarti di utilizzare anche i social network. Studiare il modo delle aziende di stare sui social, di rapportarsi con gli utenti e la loro strategia di comunicazione può rivelarti molte informazioni.

Proponiti alle aziende

Individuate le aziende che ti interessano, per prima cosa monitora il loro sito internet e i profili social, in particolar modo LinkedIn: molte aziende pubblicano delle ricerche di personale on line. Se non ci sono selezioni in corso, non ti scoraggiare: puoi scoprire il modo migliore per entrare in contatto con l’azienda per poi proporti per un ruolo specifico. Studia l’azienda e cerca di capire quali sono i ruoli vicini alla tua professione che potrebbero interessarla, in modo da personalizzare ad hoc il tuo curriculum e la tua lettera di presentazione. Invia la tua candidatura e spiega il motivo per cui l’azienda ti ha colpito, che cosa ti piacerebbe fare e perché potresti essere la persona che fa per loro.
Certo, non sempre l’auto-candidatura è un metodo vincente, ma noi di Working room crediamo fortemente che, se fatta bene, possa aiutarti a colpire l’attenzione di chi la riceve!
Quindi scrivi una buona presentazione personale, cerca di far emergere il tuo interesse verso l’azienda, dimostra di aver cercato informazioni e scrivi un CV personalizzato: la proattività può davvero essere la tua arma segreta!
Inoltre, anche in questo caso, non dimenticare di sfruttare le potenzialità di Linkedin per entrare in contatto con l’azienda e per capire a quale persona rivolgerti. Ricordati di aggiungere sempre un messaggio personalizzato quando chiedi un contatto, in cui spieghi brevemente perché stai contattando quella persona e perché vorresti entrare in relazione con quell’azienda.

Impostare la tua ricerca di lavoro sulla ricerca dell’azienda giusta potrebbe rivelarsi una strategia davvero efficace!

Se stai cercando una guida semplice ed efficace per trovare lavoro o per sostenere un colloquio di lavoro di successo, da oggi puoi scaricare gratuitamente i nostri ebook:

Risorse