Non finiremo mai di stupirci del numero di persone che ci confessano, molto “candidamente”, di non essersi preparate per un colloquio di selezione o per un incontro di valutazione periodica con il proprio capo.
Alcuni lo dicono quasi come se fosse un segno di “autenticità”, come se prepararsi significasse alterare la propria vera personalità; altri come se fosse un segno di “coraggio”, come se prepararsi significasse dimostrare di avere qualcosa da temere durante il colloquio; altri infine come un segno di “impossibilità”, essendo impossibile prepararsi non sapendo come si svolgerà il colloquio e che domande verranno fatte.
In realtà 
il miglior investimento che si può fare per affrontare un colloquio di lavoro è quello di prepararsi a rispondere ad alcune domande o a dare delle informazioni rilevanti anche se non vengono poste domande ben specifiche.
In linea generale il colloquio di lavoro ha come finalità essenziale quello di riuscire a capire se la persona possiede davvero alcune competenze che sono richieste per la posizione lavorativa cui si sta candidando o che sta già svolgendo.
Per capire questo è molto utile associare ad ogni competenza un esempio che permetta di raccontare uno specifico comportamento che la persona ha tenuto in una certa circostanza e che dimostra, in maniera convincente, il possesso di quella competenza o attitudine.
In questo processo di comprensione hanno un ruolo molto importante una serie di domande, che
vengono definite domande “comportamentali”, e che sono proprio tutte quelle domande a cui si può rispondere facendo degli esempi di comportamenti tratti dalla propria vita professionale e personale.
Le risposte ed i racconti collegati a questo tipo di domande consentono, in particolare, di dimostrare il possesso di molte competenze di tipo organizzativo e comunicativo.

Se sei una persona che per lavoro deve fare dei colloqui ad altri, per valutare se possiedono alcune competenze, oppure se stai cercando un nuovo lavoro e dovrai sostenere alcuni colloqui, oppure se ti stai preparando per fare un colloquio con il tuo capo per valutare come stai andando nel lavoro, e magari per chiedere un aumento di stipendio o un avanzamento di carriera, può essere utile avere in mente esempi di domande comportamentali da fare agli altri o a cui essere in grado di rispondere in maniera chiara ed efficace.
Peraltro, se stai facendo un colloquio di lavoro, ed il tuo intervistatore non ti sta ponendo delle domande comportamentali, potresti, comunque, trovare il modo di utilizzare le risposte che hai preparato per convincerlo, con esempi concreti, che possiedi determinate competenze organizzative e comunicative.

Alcuni esempi di domande comportamentali più frequenti ed efficaci sono:
 

Domande che riguardano la capacità di collaborare e di relazionarsi con gli altri

La capacità di collaborare bene con gli altri si vede soprattutto nei momenti difficili e di stress. Allenati a rispondere pensando ai conflitti che hai vissuto, alle difficoltà che hai incontrato nel lavorare con persone diverse da te o in situazioni di tensione legate alla pressione delle scadenze oppure allo scontro tra visioni differenti rispetto a come risolvere un problema.


1. Come ti sei comportato quando hai dovuto lavorare a stretto contatto con qualcuno che aveva una personalità molto diversa dalla tua? Raccontami un caso concreto.

2. Fai un esempio di un episodio in cui hai avuto un conflitto con un'altra persona. Che tipo di conflitto era? Come lo hai gestito?

3. Descrivi un episodio in cui sei stato costretto a lavorare con una persona che era poco disponibile a collaborare con te. Come sei riuscito a superare questa difficoltà?

4. Puoi raccontare un episodio in cui, con il senno di poi, riconosci che hai gestito male una relazione di collaborazione? Cosa faresti oggi di diverso rispetto a quella situazione passata?

5. Descrivi un episodio in cui hai scoperto che la persona con cui dovevi collaborare non aveva la necessaria preparazione per fare un certo lavoro. Come ti sei comportato?

6. Descrivi una situazione in cui per te era molto importante fare una buona impressione ad un’altra persona. Come sei riuscito a raggiungere questo scopo?

7. Racconta un episodio in cui non sei riuscito a soddisfare le aspettative di altri rispetto al tuo lavoro. Che cosa è successo, e come hai provato a porre rimedio alla situazione?

8. Descrivi un caso in cui hai dovuto relazionarti con una persona molto difficile. Prova a raccontare la situazione e come sei riuscito a gestirla.

9. Quando si lavora con molte persone, non è facile riuscire a soddisfare le aspettative di tutti. Come decidi a quali persone dare priorità?

Domande che riguardano la capacità di adattamento e di gestione dello stress

Raccontare i momenti di crisi, e come sei riuscito ad affrontarli, è un modo per dimostrare le tue capacità di adattamento e di risolvere i problemi. E’ utile anche spiegare quali apprendimenti hai generato dagli errori o da situazioni difficili e negative.


10. Racconta una circostanza in cui ti sei sentito particolarmente sotto pressione. Che cosa è accaduto, e come sei riuscito ad affrontare la situazione?

11. Racconta un episodio in cui la tua società, o il tuo team, hanno dovuto affrontare cambiamenti rilevanti. Che impatto hanno avuto su di te questi cambiamenti, e come sei riuscito ad adattarti?

12. Qual è stato il tuo primo lavoro e come hai fatto ad apprendere le basi per poterlo svolgere?

13. Racconta un caso in cui hai dovuto prendere una decisione su due piedi per uscire da una situazione difficile o complicata. Cosa hai fatto per prendere la decisione?

14. Racconta un episodio in cui hai commesso degli errori che hanno avuto conseguenze sugli altri, o se stato incolpato da altri di un insuccesso. Come hai gestito la situazione? Che lezione pensi di aver tratto?

15. Racconta un momento in cui ti sei accorto di un problema e, invece di aspettare che qualcuno lo risolvesse, hai preso l’iniziativa e hai tentato di trovare una soluzione.

16. Racconta una situazione in cui sei rimasto molto insoddisfatto del tuo lavoro. Cosa ti ha lasciato insoddisfatto? Come hai reagito a questa situazione?

Domande che riguardano la capacità di gestione del tempo

Preparati a parlare di situazioni in cui hai dovuto destreggiarti tra diverse attività e priorità per cercare di portare a termine tutti i tuoi compiti nelle tempistiche stabilite.


17. Racconta un episodio in cui hai messo in campo un tuo metodo per stabilire quali fossero le priorità da seguire avendo molte attività diverse da fare.

18. Racconta un episodio in cui ti hanno affidato un lavoro chiedendoti di rispettare delle tempistiche per te irrealistiche. Come ti sei comportato?

19. A volte è semplicemente impossibile riuscire a fare tutto ciò che abbiamo in programma. Racconta un caso in cui sei sentito sommerso dalle attività. Come ti sei comportato?

20. Racconta un episodio in cui ti è stato chiesto di stabilire quali potevano essere le tempistiche per realizzare un determinato lavoro. Come hai fatto per determinarle?

Domande che riguardano le competenze comunicative

Le competenze comunicative sono importanti per ogni lavoro e ogni ruolo, anche in questo caso la dimostrazione di possederle si vede soprattutto nel raccontare episodi particolarmente critici o sfidanti. A questo link puoi trovare una pratica lista di competenze comunicative.

21. Racconta un caso in cui sei riuscito a convincere qualcuno, che la pensava diversamente da te, ad aderire al tuo punto di vista.

22. Racconta un episodio in cui hai scritto qualcosa di particolarmente convincente/utile che ha permesso a te e ad altri di affrontare una situazione difficile o complessa.

23. Racconta un episodio in cui hai dovuto spiegare qualcosa di piuttosto complesso ad altri che non avevano tutte le conoscenze per capirti con facilità. Come sei riuscito a gestire questa situazione?

24. Racconta un caso in cui hai dovuto fare ad altri una presentazione parlando in pubblico. Cosa ritieni di aver fatto particolarmente bene? Cosa avresti potuto fare meglio?


 
"Mantieni i tuoi pensieri positivi,
perché i tuoi pensieri diventano parole.
Mantieni le tue parole positive,
perché le tue parole diventano i tuoi comportamenti.
Mantieni i tuoi comportamenti positivi,
perché i tuoi comportamenti diventano le tue abitudini.
Mantieni le tue abitudini positive,
perché le tue abitudini diventano i tuoi valori.
Mantieni i tuoi valori positivi,
perché i tuoi valori diventano il tuo destino"
(Gandhi)



Se cerchi una guida completa ed efficace che ti aiuti a superare il colloquio di lavoro con successo, scarica gratuitamente il nostro ebook:
 

Risorse