Per riuscire a dare il meglio di te durante un colloquio di lavoro può esserti di grande aiuto l’intelligenza emotiva, che, secondo numerosi studi scientifici, è sempre più importante per avere delle relazioni personali e professionali soddisfacenti e funzionanti.
Di cosa si tratta, esattamente?
L’intelligenza emotiva ti fa sentire in sintonia con te stesso e con le tue emozioni, ti aiuta ad essere consapevole delle tue parole e dell’effetto che esse possono avere sugli altri.
Le emozioni, se bene gestite, possono infatti aiutarti a comunicare meglio e ad essere maggiormente motivata/o. 
Una persona con un’intelligenza emotiva sviluppata è empatica, riesce a mettersi facilmente nei panni altrui ed è in grado di creare attorno a sé un clima piacevole e positivo, riuscendo ad affrontare con abilità anche i problemi e le situazioni più difficili. 

Ma in che modo l’intelligenza emotiva può aiutarti durante un colloquio di lavoro?

Può tornarti utile in due modi:

Per prima cosa, può diventare un punto di forza da valorizzare durante il colloquio di lavoro. Spesso capita, soprattutto se sei alla ricerca del primo impiego, di pensare di non avere capacità ed esperienze sufficienti su cui puntare, e di conseguenza di andare in panico o di non sapere cosa rispondere al selezionatore. 
Puoi far diventare l’intelligenza emotiva l’ingrediente che ti distingue dagli altri, e chi ti dà una possibilità in più per ottenere il lavoro che desideri.
Le persone dotate di intelligenza emotiva sanno affrontare i problemi con una marcia in più e riescono a creare un ambiente positivo attorno a sé: tutte caratteristiche che un selezionatore apprezza in un candidato. E’ una forma di intelligenza che puoi coltivare in ogni tipo di relazione e nella vita quotidiana, non solamente nella vita lavorativa, quindi può tornarti molto utile anche se non hai molte esperienze professionali su cui puntare.

In secondo luogo,
puoi sfruttare l’intelligenza emotiva per condurre il colloquio a tuo vantaggio
mettendola in pratica proprio con il selezionatore, riuscendo a fare una buona impressione.

Per capire meglio cos’è l’intelligenza emotiva e come può aiutarti in fase di colloquio, possiamo analizzare le cinque caratteristiche che la compongono:

Autoconsapevolezza

L’autoconsapevolezza è la capacità di saper stimare se stessi in maniera realistica, imparando a riconoscere facilmente anche i propri sbagli e le proprie debolezze, magari con un sorriso o praticando l’autoironia. Le persone consapevoli di se stesse sono abituate a riconoscere e a valutare le proprie capacità e abilità, ma non hanno paura a chiedere un aiuto quando serve. Inoltre, sono naturalmente più portate a farsi domande e a cercare di migliorarsi costantemente.

Come puoi sfruttarla in fase di colloquio: spesso durante il colloquio, il selezionatore chiede di elencare un pregio e un difetto. Puoi fare ricorso all’autoconsapevolezza nel raccontare un tuo difetto, dimostrando di essere consapevole di possederlo e di avere già cominciato a lavorarci sopra per risolverlo. Nessuno è perfetto, e ogni selezionatore ne è cosciente: dimostrare di sapere quali sono i tuoi punti deboli è altrettanto importante che dimostrare di conoscere i tuoi punti di forza, e può aiutarti a ottenere la fiducia del selezionatore.

Autodisciplina

ovvero pensare attentamente prima di agire, imparare a conoscere le proprie emozioni senza farsi guidare da esse.  Avere autodisciplina significa evitare di compiere azioni e pronunciare parole solo perché spinti dalla rabbia o dalla frustrazione del momento, ma saper controllare i propri sentimenti cercando di adattarli ogni volta alle circostanze, riuscendo a mantenere sempre un clima positivo. L’autodisciplina è utile per creare un’atmosfera di onestà e fiducia.

Come puoi sfruttarla in fase di colloquio: Puoi raccontare di una situazione complicata che hai vissuto a scuola, o in famiglia, o in un gruppo sportivo, in cui sei riuscito a non andare in panico o a non arrabbiarti e a risolvere invece il problema grazie all’autodisciplina.
Oppure puoi dimostrare di essere dotato di autodisciplina proprio perché, nonostante il momento difficile di crisi, non ti sei fatto scoraggiare né dato per vinto, ma continui con fermezza a cercare il lavoro che desideri e ad affrontare relativi colloqui, stress, frustrazione.
L’autodisciplina infine ti può servire nel caso il selezionatore decida di metterti alla prova, cercando di provocarti per vedere la tua reazione. Saper mantenere la calma e la lucidità è un’ottima prova.

Motivazione

La motivazione porta a fare qualsiasi cosa con passione e entusiasmo, che si tratti di un hobby, di un progetto personale, o di un lavoro particolarmente complicato. Passione e entusiasmo sono contagiosi, aiutano a lavorare bene tutti, danno la spinta necessaria a ridurre lo stress e affrontare anche le situazioni complicate, migliorando di conseguenza l’ambiente di lavoro.

Come puoi sfruttarla in fase di colloquio: La motivazione ti può servire per spiegare come mai desideri candidarti per quella posizione, spiegando perché ti piace fare quel lavoro o perché desideri lavorare proprio per quell’azienda.
Oppure puoi raccontare al selezionatore di una persona della tua vita che ti ha particolarmente ispirato nel tuo lavoro, o ti ha dato la carica per sviluppare nuove competenze e aumentare la tua motivazione nel lavoro.

Empatia

le persone empatiche riescono a prendere in considerazione i sentimenti e gli stati d’animo degli altri, riuscendo facilmente a mettersi nei loro panni. Riescono a leggere oltre le righe, per questo sono bravi a capire e supportare le dinamiche di gruppo e il lavoro di squadra. Sanno capire quali sono i punti di forza e i punti deboli dei componenti del gruppo, dimostrando così di avere anche una buona propensione alla leadership. Saper mettersi nei panni altrui aiuta a ridurre i conflitti e a risolvere in maniera positiva le situazioni più complicate.

Come puoi sfruttarla in fase di colloquio: quasi tutti i candidati ad un colloquio di lavoro sostengono di saper lavorare bene in squadra e di essere in grado di condurre un gruppo di lavoro, ma spesso faticano a dimostrare questa loro capacità. L’empatia può aiutarti a fare proprio questo: puoi raccontare un’esperienza sportiva o con un’associazione, in cui avuto a che fare con un gruppo, e hai saputo sfruttare la tua empatia per riuscire a coordinare fra loro persone molto diverse, o per riuscire a comprendere le motivazioni degli altri durante una discussione piuttosto accesa.
Puoi sfruttare l’empatia durante il colloquio anche per metterti nei panni del selezionatore e capire cosa si aspetta da te, quali sono le caratteristiche che sta cercando per questa particolare posizione.

Capacità relazionale

saper rapportarsi facilmente con molte persone diverse ed essere persuasivi, aiuta ad entusiasmare e a motivare anche gli altri, oltre a creare un clima di collaborazione costante. Tutti i problemi relazionali infatti, siano essi nella sfera professionale o personale, nascono dalla cattiva comunicazione e dalla mancanza di ascolto. Relazionarsi in maniera efficace aiuta a risolvere i problemi e a evitare frustrazione, “alleggerendo” spesso anche i momenti complicati.

Come puoi sfruttarla in fase di colloquio: anche in questo caso, puoi raccontare un episodio della tua vita in cui la tua capacità relazionale ti ha aiutato ad affrontare un problema, o a collaborare con una persona particolarmente difficile, trasformando la capacità relazionale in uno dei tuoi punti di forza.
Capita a tutti di essere nervosi e a non riuscire a dare il meglio di sé durante un colloquio, anche a chi ha già avuto qualche esperienza alle spalle. Ragionare su queste caratteristiche e preparare dei piccoli episodi da raccontare che fanno emergere la tua intelligenza emotiva, può aiutarti ad arrivare al colloquio più preparato e a ridurre un po’ la tua ansia.

E tu come ti valuti a livello di intelligenza emotiva?

Se hai bisogno di qualche consiglio su come svilupparla scrivici!
 
Se hai voglia di saperne ancora qualcosa in più sull’intelligenza emotiva, ti consigliamo questo simpatico video dell’Harvard Business Review:
Sei alla ricerca di un aiuto concreto per scrivere in modo professionale ed efficace curriculum e lettera di presentazion? 
Partecipa al nostro webinar l'8 febbraio!


Per maggiori informazioni chiamaci o clicca qui.