Ecco 23 semplici consigli per imparare a parlare in pubblico in maniera serena, efficace e convincente!
  1. Parti sempre con un inizio preciso, specifico e decidi sempre come finire, l’ultima cosa che vuoi dire.
  2. Preparati prima (mettendo se possibile interamente per iscritto quello che vuoi dire) e rivedi l’intervento almeno cinque minuti prima cercando di stare solo o in silenzio per avere più concentrazione.
  3. La preparazione ti serve per fare in modo di non leggere l’intervento che hai scritto, ma il più possibile di raccontarlo perché quando narriamo siamo più spontanei, mentre quando leggiamo ci irrigidiamo ed abbiamo paura di leggere male (se vuoi tieni pure con te il testo scritto per avere la tranquillità di poterlo consultare di tanto in tanto durante il discorso o di utilizzarlo come “ancora” di salvezza se non ricordi bene cosa dire).
  4. Prima di iniziare a parlare respira a lungo e profondamente e cerca di stare con le spalle morbide; ricorda sempre che il corpo se ne accorge se fai la faccia triste, o preoccupata, o tesa e la imita.
  5. Cerca di stare con il corpo in una posizione di apertura con i piedi entrambi a terra, le braccia non incrociate, il petto aperto, la testa alta.
  6. Cerca di stare in una posizione comoda che puoi cambiare con facilità.
  7. Presta attenzione a chi ascolta e non a te stesso che stai parlando (quindi invece di pensare “sono o non sono bravo/a in questo momento” pensa “hanno o non hanno capito quelli a cui sto parlando”).
  8. Guarda a turno tutti quelli che ti stanno ascoltando e soprattutto chi è più lontano.
  9. Se possibile cerca anche di spostarti e di camminare verso quelli che sono più lontani.
  10. Scandisci bene le parole.
  11. Se senti rumore in sala perché chi ascolta sta parlando o dà fastidio prova ad abbassare il tono della voce invece di alzarlo, l’effetto più probabile è che gli altri si zittiscano.
  12. Cerca di non stare in controluce.
  13. Se ti è possibile fai in modo che la stanza sia luminosa e che le persone che ascoltano stiano comode.
  14. Se ti è possibile fai in modo di stare al lato opposto della porta per non inibire le persone ad uscire prima.
  15. Quando chi ascolta tossisce spesso è un segnale che chi parla deve respirare meglio.
  16. Un indicatore di attenzione da parte di chi ti ascolta è se il loro sguardo asseconda il discorso, ne segue il ritmo ed il tono, anche se non necessariamente è posato su di te che stai parlando.
  17. Quando parli cerca di prestare attenzione al ritmo del tuo parlare, al tono ed al volume della tua voce.
  18. Racconta utilizzando degli esempi che rendano più vivide le immagini che stai richiamando, esempi che raccontano particolari e dettagli che ti aiutano a circoscrivere quello che stai dicendo.
  19. Cita, quando possibile, le tue esperienze di vita, positive o negative.
  20. Evita di soffermarti sui concetti semplici mentre ripeti più volte i contenuti più complessi.
  21. Quando cambi un contenuto puoi cambiare ritmo e tono per sottolineare il cambiamento.
  22. Cerca di non usare parole che esprimono giudizi (ad esempio bello/brutto, buono/cattivo, migliore/peggiore).
  23. Seleziona le cose essenziali che devono arrivare al tuo ascoltatore, evidenziale nel tuo discorso scritto e studia con attenzione le parole chiave che sono associate a questi contenuti e che dovrai sicuramente utilizzare. Ricordarti sempre di avere ben chiaro “perché” stai facendo questo discorso, cosa vuoi che gli ascoltatori si portino a casa, che ricordino alla fine del tuo discorso.
 
Quando hai finito il tuo discorso cerca di ripensarci un po’ e prova a scrivere quello che ti è sembrato hai fatto bene e quello che vuoi ancora migliorare e vai avanti così per allenare ed affinare la tua arte di parlare in pubblico.

Risorse