Molte persone che si rivolgono a me fanno parte di una di queste due categorie:
  • la prima è composta da chi ha già iniziato a fare qualcosa rispetto ai propri obiettivi, ma non riesce a rimanere concentrata sulle attività che si è prefissata e quando mi parla è spesso totalmente stressata e sente di aver perso la “bussola” per i troppi impegni, o carichi che porta;
  • la seconda è composta da chi non ha neanche iniziato a fare qualcosa rispetto ai propri obiettivi e sta, sostanzialmente, rimandando, nella speranza che arrivi il “momento giusto” per partire, dal momento che ha già tante cose da fare e quindi non ha tempo e spazio, fisico e mentale, per aggiungere altre attività.
 
In entrambi i casi queste persone mi contattano perché vivono la frustrazione di non riuscire a fare quello che vorrebbero, e che per loro è molto importante, con l’aggiunta di altre emozioni negative tra cui, ad esempio:
  • il senso di colpa (“se dedico tempo al mio progetto lo sottraggo alla famiglia e mi sentirei in difficoltà”);
  • il senso di inadeguatezza (“se non sto partendo con questo progetto vuol dire che non sono capace”);
  • il senso di esaurimento delle energie fisiche e mentali (“salto da una cosa all’altra e mi sento sfinita”).
 
Infine, nella maggior parte dei casi, queste persone pensano di essere le uniche a trovarsi in una simile situazione, perché gli sembra che tutti gli altri riescano con più facilità, e meno stress, a realizzare i loro progetti o obiettivi, credendo che chi ci riesce è particolarmente abile nel “multitasking” o ha delle capacità di concentrazione, o intellettive, superiori alle loro.
Queste convinzioni sono errate.
Chi riesce a rimanere “coerente” rispetto ai propri obiettivi è perché adotta la maggior parte di questi consigli:

1. Ha un “perché” forte e specifico

Ha molto chiaro il “perché” associato all’obiettivo o progetto che vuole perseguire ed è riuscito ad esprimerlo in maniera specifica. Se dichiaro che il mio obiettivo è “voglio cambiare lavoro” è un obiettivo debole senza un perché forte. Se dichiaro “voglio cambiare lavoro, perché ho bisogno di migliorare la situazione economica della mia famiglia, oppure perché voglio specializzarmi nel ruolo XY che sento è il ruolo che valorizza al massimo le mie competenze”, sto facendo sicuramente una dichiarazione di un “perché” molto più forte che mi sarà di sostegno nei momenti difficili e mi aiuterà a non mollare.

2. Ha la consapevolezza che le sue risorse sono limitate

E’ consapevole che il “multitasking” è una vera trappola ed è anche un mito che, nel lungo periodo, rischia di far soccombere anche i più bravi. Nonostante il fatto che molte ricerche scientifiche sostengono che il nostro cervello non è fatto per il multitasking, noi ci illudiamo di riuscirci, ma nella realtà la qualità della nostra concentrazione è inferiore se la “disperdiamo” in tante attività diverse con l’effetto che anche la qualità dei nostri risultati ne risente. Se vuoi raggiungere i tuoi obiettivi è importante riuscire a limitare le attività da fare, ad affrontarle una per volta, dando ad ognuna di esse un tempo di qualità, e quindi decidendo anche quali attività puoi e devi eliminare, o limitare, per dare più spazio a quelle prioritarie collegate ai tuoi obiettivi. A volte basterebbe spegnere il telefono o chiudere il programma delle mail per guadagnare tempo prezioso.

3. Pianifica in maniera concreta e specifica

E’ molto più difficile raggiungere i tuoi obiettivi senza una seria e costante attività di pianificazione. Per farlo basta un’agenda, o il tuo cellulare, ma è essenziale “bloccare” del tempo per alcune attività e fare in modo che questo tempo non sia “negoziabile” e che sia chiaro, specifico, cosa farai in quel lasso di tempo. Pianificare vuol dire anche non saturare completamente il tuo tempo e lasciare uno spazio per la gestione di emergenze ed imprevisti che, sicuramente, potranno accadere.

4. Sa che non può accontentare tutti e lo chiarisce

Per raggiungere i tuoi obiettivi ci vuole un giusto equilibrio tra i tuoi interessi e quelli degli altri. Occorre essere capaci di accettare che non puoi accontentare tutti, che non puoi fare tutto quello che gli altri ti chiedono, ma d’altra parte hai la responsabilità di chiarirlo agli altri, altrimenti le richieste arriveranno, magari all’improvviso, e questo ti creerà tensione o frustrazione.

5. Non dà ascolto al critico interiore che fa azioni di disturbo

Tutti abbiamo un critico interiore che spesso ci aiuta, ad esempio invitandoci a riflettere meglio su alcune questioni, ma a volte ci danneggia quando si trasforma nella “vocina” fastidiosa che mette in dubbio la nostra capacità e possibilità di farcela. Ora ti assicuro che questa vocina la sentiamo tutti, ma il consiglio è che se il tuo perché è forte e quindi sei convinta, o convinto, del tuo obiettivo o progetto, è meglio lasciar stare la “vocina” ed andare avanti senza darle ascolto, altrimenti è il primo fattore che tenderà a non farti iniziare proprio nulla.

6. Mette in conto la legge di Murphy

E’ evidente che le cose non possono andare tutte lisce. Chi ha una forte determinazione rispetto ai propri obiettivi mette già in conto che ci saranno imprevisti, problemi, etc.. Questo fatto di prevederli aiuta per due motivi: il primo è che quando si verificano non si rimane sorpresi, il secondo è che se si è davvero bravi nel mettere in conto gli imprevisti avrai anche già un piano B per gestirli in qualche modo, ad esempio delle ore extra, o un budget di costi extra, o un aiuto extra, etc.

7. Non si deprime e non si giudica quando fa un passo falso

Chi è davvero determinato a raggiungere i suoi obiettivi non è né un perfezionista né un idealista, nel senso che è in grado di accettare che può commettere dei passi falsi e che questo non danneggia l’intero progetto, mentre il perfezionista o l’idealista entrerebbero subito in crisi mettendo tutto in discussione, o perdendo tempo a rifare tutto, con il rischio di ritardare o di disperdere energie limitate.

8. Si concede la possibilità di cambiare

Avere degli obiettivi chiari, aver pianificato come raggiungerli, aver iniziato a realizzare delle attività non vuol dire che, durante il percorso, non si possa decidere di cambiare qualcosa se si è capito che è meglio per arrivare alla meta desiderata. Coerenza non vuol dire rimanere fissi, vuol dire essere determinati ad ottenere il risultato e se per farlo capisci che occorre cambiare qualcosa, meglio farlo.

9. Si circonda delle persone migliori

Chi raggiunge i propri obiettivi nella stragrande maggioranza dei casi non è mai da solo, di sicuro avrà qualche buon alleato che gli è di supporto. In ogni caso per raggiungere i tuoi obiettivi, e riuscire a rimanere concentrato su quello che vuoi, sarebbe importante che tu riflettessi su chi ti può essere di aiuto: a chi puoi delegare attività? Chi ti può aiutare a rimanere concentrato? Chi ti può dare consigli o aiuto se sei in difficoltà? Questo è davvero importante perché molto spesso mi rendo conto che le persone che fanno fatica a raggiungere i loro obiettivi, o non hanno alleati, o si circondano di persone che sono più un peso che una risorsa.

10. Non cede alle tentazioni

Siamo immersi nelle tentazioni: di nuovi progetti, di persone che ci chiedono aiuto, di hobby che ci piace coltivare, etc. Ha più probabilità di raggiungere i suoi obiettivi chi, sostenuto da un “perché forte” e dalla “consapevolezza che le sue risorse sono limitate” è in grado di dire NO, con gentilezza, ma declinando la tentazione di aggiungere altro.
C’è una parola inglese che indica la capacità di essere concentrati rispetto ai propri obiettivi, ed è la parola “consistency”. E’ una parola che ho conosciuto la prima volta leggendo le “Lezioni Americane” di Italo Calvino che le avrebbe dedicato la sua ultima lezione alla Harvard University. Lezione che non ha tenuto perché morto prematuramente. Da allora ho sempre tentato di immaginare cosa avrebbe scritto Calvino su questa parola, ma il fatto che la abbia considerata come una parola importante per il millennio che stiamo vivendo mi sembra comunque significativo.
 
Spero che uno o più di questi consigli ti siano stati utili per essere ancora più concentrata/o sui tuoi obiettivi. Se ne hai voglia scrivi un tuo commento alla mail info@workingroom.it, o segnala questo articolo ad una persona che pensi ne abbia bisogno, o condividilo sui canali social utilizzando le icone che trovi in alto sulla sinistra. Buon lavoro!